MarcianaMarcianaMarciana Isola d'Elba Isola d'Elba

Marciana

  • Via Santa Croce, 2
  • 57030 Marciana, Isola d'Elba
  • 0565901215

    Il Comune di Marciana

    Marciana Terrazza Panoramica vicino alla Fortezza Pisana Marciana il Paese Marciana vista dalla Cabinovia del Monte Capanne Marciana Paese Marciana Paese in notturna Marciana Strada in mezzo al bosco con foglie

    Arrivare a Marciana dalla strada che forma l’anello costiero del monte Capanne, subito dopo un tramonto invernale, con le prime luci accese, magari con le pendici della vetta più alta dell’isola imbiancate dalla neve, fa apparire questo paese un paesaggio da presepio. Completamente cinto da castagni, alcuni anche di notevoli dimensioni, ai piedi della sua rocca, di costruzione pisana, appare severo come tutti i borghi montani (anche se la sua altitudine non è poi così elevata: 375 metri), ma allo stesso modo anche conservato di quella inalterabilità che solo questi paesi possiedono. Per questo appare ritirato al caotico tran-tran estivo dei villaggi rivieraschi, e quindi godibile di una visita tutta calma. E’ strutturato a gradoni, per seguire l’altimetria delle pendici su cui sorge, ma anche perché le case formassero tanti fronti in caso di assalti nemici.

    Di origine romana, ha rivestito una grande importanza in epoca medievale e rinascimentale, sia sotto i pisani che sotto i signori di Piombino, Appiani. Quest’ultimi lo consideravano quasi un buen retiro, tanto da possedervi una residenza (oggi vi si nota una graziosa cappellina in via del Giardino, quasi sotto il castello) e avervi impiantato la zecca di stato.

    Dirimpetto a Marciana vi è il paese di Poggio. I due sono uniti da una strada ombreggiata da castagni, che passa davanti alla fonte detta di Napoleone. La bontà di quest’acqua spinse i primi promulgatori dell’”immagine Elba” nel mondo a far conoscere il piccolo paese vicino come Poggio Terme. Non che avesse particolari qualità termali, ma di sicuro l’acqua di questi posti è sempre stata apprezzata. E’ anche un bel motivo coreografico per le valli circostanti, dove forma straordinarie cascatelle e pittoreschi paesaggi quasi alpini, con torrenti che corrono per buona parte dell’anno. E lo sciabordio dell’acqua è un motivetto gradevole anche nella piazzetta di Poggio, la più bella piazza dell’Elba, con la sua fontana in ghisa al centro, lastricata di granito locale: un angolo tranquillo e fresco anche in estate.

    Poggio ha una struttura urbana molto simile a quella di Marciana, e anche qui è un piacere percorrere le sue viuzze scalinate, totalmente immuni da motorizzati. Nel paese risaltano le due grandi strutture delle chiese di San Niccolò e di San Defendente, quasi a voler caratterizzare questo paese con due campanili.

    Il comune di Marciana copre un’ampia fascia costiera, intervallata dal porto di Marciana Marina e i suoi dintorni, La spiaggia più importante della costa nord è Procchio, un arenile ben riparato dal golfo, conosciuto fin dai tempi antichissimi come rifugio sicuro dalla burrasche. Non è un caso se nell’angolo più riparato di esso, detto Porto di Procchio, sia stata trovato il relitto di una piccola oneraria romana, con lo scafo ottimamente conservato e un carico prezioso. A Procchio i romani estraevano anche il marmo cipollino, onde decorare i propri monumenti. Il paese è tuttavia modernissimo e ben integrato nel circuito turistico isolano.

    La costa nord-occidentale è invece alta e dirupata, ma non manca di offrire una bella spiaggia come quella di Sant’Andrea, circondata da scogli lisci e dalle forme bizzarre, che ogni primavera lacrimano di stelle rosse dei fichi degli ottentotti.

    I paesini di Zanca, Patresi e Colle d’Orano sono quasi fuori dal tempo in inverno. In un passato non troppo remoto erano collegati al capoluogo comunale solo da tratturi, serpeggianti tra terrazzamenti e vigne, oggi divenuti percorsi apprezzati da trekkers.

    Marciana Chiessi  Marciana Pomonte Marciana Agriturismo  Marciana Sant'Andrea  Marciana Isolotto della Paolina

    Sul mare sono invece Chiessi e Pomonte, al termine di valli prima coltivate a viti, su terrazzamenti strappati quasi incredibilmente a fianchi granitici. Questi paesi si godono i tramonti (“pose di sole”, secondo i locali) più spettacolari di fronte a un immenso interrotto solo dalla silhouette della Corsica.

    Il marcianese è anche la zona più bella per le escursioni. Soprattutto quella regina per il tetto dell’isola, il monte Capanne, ma anche per le alture circostanti, dove si incontrano sovente mufloni e si possono notare rarità flogistiche per questi luoghi, come il tasso, l’albero della morte a causa della tossicità delle sue bacche rosse, relitto di un’epoca geologica molto più fredda. E’ piacevole incontrare su queste pendici graziose chiese: il santuario della Madonna del Monte, con la sua spettacolare esedra delle fonti e l’elegante campanile, teatro dell’ormai trito racconto sull’incontro tra Napoleone e Maria Walewska; l’eremo di San Cerbone, che ci ricorda dei tempi in cui le invasioni longobarde costringevano i fedeli, come il santo patrono della diocesi, a scappare verso luoghi impervi; e se abbiamo fortuna potremo scorgere tra le folte macchie i resti di chiese romaniche antiche, come San Frediano e San Biagio, ormai beantesi della sola presenza di pernici rosse e lepri.

    Stemma Marciana

    Stendardo

    Dati Amministrativi

    • Stato: Italia
    • Regione: Toscana
    • Provincia: Livorno
    • Sindaco: Anna Bulgaresi
    • Altitudine: 375 m s.l.m.
    • Superficie: 45,45 kmq
    • Abitanti: 2.206 (Febbraio 2015)
    • Densità: 48,54 ab./kmq
    • Frazioni: Chiessi, Poggio, Pomonte, Procchio
    • Comuni confinanti: Campo nell'Elba, Marciana Marina, Portoferraio
    • Cod. postale: 57030
    • Prefisso: 0565
    • Codice ISTAT: 049010
    • Cod. catastale: E930
    • Targa: LI
    • Cl. sismica: zona 4 (sismicità molto bassa)
    • Nome abitanti: marcianesi
    • Patrono: Santa Caterina d'Alessandria
    • Giorno festivo: 25 novembre

    Luoghi da visitare a Marciana

    Senz'altro da visitare sono i due borghi medievali di Marciana e Poggio. Una visita rilassante tra scalinate e serpeggianti vicoli, dove le auto sono off limits.

    Fortezza pisana (Marciana): fu edificata nel XII secolo per difendere il paese. E’ di forma quadrilatera, con lati tanagliati. D’estate fa da suggestivo scenario a spettacoli.

    Chiesa di Santa Caterina (Marciana): la parrocchiale del paese è stata edificata nel XVII secolo, con all'interno una vasca battesimale del 1435 e la pregevole statua del Battista.

    Chiesa di San Liborio (Marciana): del XII secolo, forse in origine privata.

    Museo archeologico (Marciana): piccolo ma ben organizzato antiquarium, che custodisce reperti preistorici e antichi dell’Elba occidentale. Particolarmente interessante è la sala dedicata al relitto romano di Procchio.

    Casa del parco: appena sotto il castello, una delle due presenti all'Elba.

    Casa degli Appiani (Marciana): in via del Giardino. Non è però visitabile. Bella è la cappella privata consacrata a San Francesco.

    Chiesa di San Niccolò (Poggio): di origine appianea, bastionata. Conserva begli arredi sacri settecenteschi.

    Chiesa di San Defendente (Poggio): edificio del XVI secolo. Il bel portale in ghisa è del 1835, realizzato dalle fonderie granducali di Follonica.

    Monte Castello di Procchio: vi sorge una fortezza d’altura etrusca, utilizzata per un breve tempo anche dai romani.

    Scoglio della Paolina: davanti la spiaggia di Redinoce, si chiamava in passato Castiglioncello. Gli fu cambiato nome per la leggenda che qui vi facesse i suoi bagni la sorella di Napoleone.

    Fonte di Napoleone: tra Poggio e Marciana sulla provinciale. Acqua molto apprezzata tanto che arrivano ad attingerla da tutta l’isola. Contigua alla fonte è nato un impianto di imbottigliamento.

    Monte Capanne: è il tetto dell’isola con i suoi 1019 metri. Raggiungibile anche con una cabinovia da Marciana.

    Chiesa di San Lorenzo: romanica pisana del XII secolo, lungo la provinciale della Civillina.

    Romitorio di San Cerbone: qui si rifugiò il santo patrono della diocesi per sfuggire ai longobardi. Si dice essere il più antico luogo di culto all’Elba, addirittura del VI-VII secolo.

    Santuario della Madonna del Monte: ristrutturato nei vari secoli, ha il suo impianto moderno nel XVI secolo. Al suo interno sono stati trovati recentemente affreschi attribuiti a Sodoma. Si raggiunge tramite un sentiero fiancheggiato da tredici cappelle della via crucis.

    Chiesa di San Bartolomeo: sul colle omonimo, che separa Chiessi da Pomonte. Romanica pisana è oggi visibile solo un muro perimetrale. Nei pressi anche i ruderi di altre romaniche: San Frediano e San Biagio.

    Itinerari a Marciana

    Il comune di Marciana è ricchissimo di percorsi escursionistici. Per cui dovremo essere schematici.

    Da Marciana si può raggiungere il romitorio di San Cerbone, il monte Capanne, il santuario della Madonna del Monte, Chiessi e Pomonte, Patresi e Zanca.

    Il monte Capanne è raggiungibile anche da Poggio.

    Da Chiessi e da Colle d’Orano partono i sentieri per il semaforo abbandonato di Mortigliano.

    Bello è il sentiero che gira nella vallata di Chiessi.

    Da Chiessi e da Pomonte si può salire a Colle San Bartolomeo, dove vi sono i ruderi della chiesa omonima. E’ questa altura un paradiso per free climbers.

    A Pomonte parte lo splendido sentiero che corre radente al fosso Barione, tra paesaggi quasi alpini, fino a risalire al Colle della Grottaccia. Si può completare il giro scendendo dalle Mure (agglomerato di caprili) e dal monte Cenno.

    Al monte Perone seguendo il GTE (Grande traversata elbana) si corre in alta quota sul massiccio del monte Capanne, tra pietraie granitiche e rarità flogistiche. Per gli escursionisti esperti c’è lo 00, un percorso che in alcuni tratti si fa strada ferrata e segue il crinale del massiccio.

    I sentieri di questo versante sono innumerevoli e quindi, sebbene ben segnati, c’è il serio rischio di perdersi: è ottima cosa quindi non prenderli sottogamba e dotarsi di una buona carta dei sentieri.

    Le nostre soluzioni

    Non abbiamo i dettagli delle camere/appartamenti, ma puoi richiedere ulteriori informazioni utilizzando il modulo seguente

    Dove siamo

    Condividi